L’isola di Salina è una delle Sette sorelle dell’arcipelago eoliano, la prima per altezza al di sopra della superficie del mare. Quest’isola è considerata la più verde delle isole eolie, per questo e anche una delle destinazioni preferite dai trekkers in giro alle isole eolie. L’escursione più bella in assoluto è la scalata verso la cima di Monte Fossa delle Felci, un escursione trekking della durata di circa 5 ore, immersa nel verde rigoglioso, ti ha donato la nomina di Isola più verde delle Isole Eolie. Durante questa escursione trekking si possono ammirare degli scorci di paesaggio emozionanti, la veduta sul cratere di Vulcano e lipari, Stromboli e panarea, Alicudi e filicudi, Insomma si può dire che il panorama offerto dal trekking a Monte Fossa delle Felci permette di avere la vista sull’intero arcipelago eoliano. La partenza di questa escursione trekking è consigliabile farla da Val di chiesa così come al ritorno ma volendo, ci sono anche altri sentieri come quello che parte da Santa Marina di Salina sale fino a su Monte Fossa delle Felci per poi scendere a lingua. Sull’isola è possibile usufruire di varie trasporti locali presenti sul porto dove arrivano tutti i traghetti. L’escursione Pur non essendo nulla di tecnico, richiede comunque un’ottima condizione fisica, è un equipaggiamento idoneo ad affrontare l’escursione. Di massima importanza l’acqua che deve essere non Inferiore a un litro e mezzo per persona, è un pranzo al sacco da consumare durante questa splendida esperienza in uno dei rifugi presenti lungo i suoi sentieri. Per ragioni climatiche l’escursione in alta stagione è consigliabile farla al mattino molto presto per evitare le ore più calde, mentre in bassa stagione al contrario è piacevole durante la giornata è più fresca e virgola fare l’escursione Durante le ore più calde vista comunque l’altitudine che come hai detto prima raggiunge quasi 1000 metri.

Se hai bisogno di una guida escursionistica per essere accompagnato durante la tua escursione a Monte Fossa delle Felci visita questa pagina

escursione trekking alla Sciara del Fuoco di Stromboli escursione trekking alla Sciara del Fuoco di Stromboli è sicuramente una delle esperienze più belle che si possono fare alle isole eolie.  a differenza del sentiero che va verso i crateri sommitali Dove è prevista l’assistenza di una guida vulcanologica obbligatoria, se si vuole effettuare l’escursione alla Sciara del Fuoco lo si può fare in piena autonomia, seguendo un sentiero che in circa un’ora e 30 minuti, vi permette di raggiungere uno dei punti panoramici piu belli di stromboli. la vista Infatti sul ripido pendio di ceneri che arriva fino al livello del mare e oltre Eddie Un’emozione indescrivibile. Da qui si può assistere L’attività stromboliana per rendere famoso questo Vulcano attivo, che consiste nella proiezione di materiale incandescente a diverse centinaia di metri di altezza con una frequenza di circa 20 minuti. La lettera del fuoco si possono ammirare anche alcune delle altre isole Eolie come Salina Filicudi e alicudi. l’escursione di per sé non presenta particolari difficoltà a parte il fatto che come tutte le escursioni trekking bisogna avere una condizione fisica adeguata.  tutta l’escursione può durare circa 4 o 5 ore,  e di fondamentale importanza comunque portare con sè sempre dell’acqua, uno snack, una seconda t-shirt di ricambio, in base alla stagione una Copa jahmento adatto alle condizioni atmosferiche a volte possono essere anche estrema dal caldo torrido estivo al vento freddo dell’inverno.  dal punto di osservazione della Sciara del Fuoco si possono scattare delle bellissime fotografie, per la quale ovviamente bisogna fare una certa pratica, prima di riuscire ad ottenere Le foto desiderate relative alle eruzioni del vulcano. In  genere comunque per riuscire ad ottenere delle foto decenti bisogna avere comunque un minimo di attrezzatura Fotografica anche una camera Bridge va benissimo. Così come con le compatte di ultima generazione È possibile riuscire ad avere degli scatti molto belli. Importante sempre e comunque godersi il momento senza passare troppo tempo dietro alla camera del nostro smartphone.

Una delle agenzie e tour operator a me preferita, per la quale collaboro in qualità di guida escursionistica trekking è l’Explore, un’agenzia di viaggi inglese specializzata nelle spedizioni e viaggi avventura in destinazioni Remote dell’intero pianeta. Questa agenzia prevede infatti una formazione ben specifica per soddisfare le esigenze alla quale vanno incontro i suoi tour leader. Durante il mese di ottobre 2017 ho avuto la fortuna di partecipare ad uno di questi eventi formazione, con un programma che ci ha permesso di approfondire le tecniche per la gestione di gruppi trekking in zone Remote.  il programma di formazione oltre a approfondire gli aspetti tecnici del lavoro di guida ci ha permesso di assimilare anche le nozioni di primo soccorso utili A chi si avventura per uno o più giorni in zone più o meno ostili. Un’esperienza meravigliosa che mi ha dato anche la possibilità di conoscere tante altre guide proveniente alti paesi del mondo con la quale è venuto uno scambio culturale molto bello,  questo grazie anche all’ottima organizzazione e pianificazione dell’evento stesso da parte dei trainer e dall’agenzia explore stessa.

L’isola di Vulcano è l’isola più vicina alla Costa nord siciliana e fa parte dell’arcipelago delle Isole eolie, sette isole tutte di origine vulcanica. Il cratere della Fossa è una delle tante testimonianze di attività vulcanica presenti sull’isola. L’escursione sulla sua cima permette di assistere al fenomeno di uscita dei gas attraverso fratture presenti sul terreno, dal colore giallo intenso misto al Forte odore di zolfo presente in tutta la zona craterica. La durata dell’escursione Può variare a seconda dell’interesse dell’escursionista, considerando che almeno 3 ore sono necessarie per raggiungere la sua vetta di 360 metri, effettuare il giro completo del cratere, per poi ritornare al punto di partenza che generalmente si intende nel luogo del porto. Chi lo desidera e ha soprattutto il tempo a disposizione può estendere la visita anche al lato nord del Cratere della Fossa per continuare ad ammirare il paesaggio già impressionante a cui si assiste fin dall’inizio dell’escursione. Infatti sin dall’inizio di questa bellissima escursione trekking, si gode da subito di un panorama mozzafiato su tutte le isole eolie, da Lipari l’isola che si trova a meno di 2 km in linea d’aria, a salina, alicudi, filicudi, Panarea e ovviamente Stromboli che con il suo pennacchio di gas, ci ricorda come siamo circondati interamente da vulcani. Nelle giornate in cui la visibilità è particolarmente eccellente, si riesce ad ammirare anche una splendida vista su un altro vulcano presente in Sicilia ovvero l’etna, che con i suoi 3350 metri riesce a farsi vedere da tutta l’intera regione siciliana, isole minori comprese. La particolare testimonianza dell’ultima attività esplosiva di questo vulcano consiste nel ritrovamento di bombe vulcaniche cosiddette a crosta di pane. Di tale materiale Vulcanico però non è rimasta una vastissima testimonianza lungo i sentieri battuti dai turisti, è possibile però trovarne ancora in qualità di bellissimi esempi dell’eruzione ultima venuta circa 130 anni fa. Per raggiungere vulcano così come le altre isole dell’arcipelago eoliano la compagnia di aliscafi Liberty Lines offre il servizio di trasporto con partenza da Milazzo ed in alta stagione anche Messina e palermo.

Se vuoi essere guidato da una guida escursionistica durante la tua escursione al cratere della Fossa di Vulcano visita questa pagina.